…e se poi mi ferisci?

I confini del Sé nella relazione con l’Altro
Seminario esperienziale in 3 atti condotto da Claudia Torani

 

28 Aprile 2018
Sentire il proprio centro, luci ed ombre

5 Maggio 2018
Lo sguardo, il contatto, il respiro: i nostri confini col mondo  

19 Maggio 2018
Il rispetto di Sé e la fiducia nell’Altro  

Il tema centrale: i confini personali
Spesso nelle relazioni affettive, lavorative, familiari, amicali, possiamo sperimentare una confusione rispetto a dov’è il mio confine e dov’è quello del mio interlocutore. “Sono sempre disponibile per gli altri ma gli altri non lo sono per me!”, “Vorrei tanto dirti che….ma se poi ti arrabbi, mi ferisci o ti ferisco, mi lasci, me la fai pagare, mi prendi in giro?” Quello che facciamo è davvero quello che desideriamo fare? La risposta che diamo è davvero quella che ci verrebbe spontanea? Quanto ascoltiamo quello che ci dice la parte più autentica di noi?
I nostri confini personali risentono in gran parte della nostra storia passata. Se si sono irrigiditi possiamo avvertire difficoltà ad aprirci veramente; teniamo gli altri sempre ad una distanza di sicurezza che ci fa sentire protetti ma anche soli e non amati; quando i nostri confini sono troppo permeabili possiamo avvertire la sensazione di non avere alcun tipo di potere personale e la paura costante che l’altro possa entrare nella nostra intimità affettiva con prepotenza, facendo di noi ciò che vuole.
Costruire confini sani è poter dire i nostri  “SI” e i nostri “NO” liberi dal senso di colpa e dalla rabbia. Il percorso rappresenta un’opportunità per:
– Iniziare a percepire la qualità dei nostri confini con il mondo, sentendo di poterne modulare la permeabilità.
– Sentire il nostro centro, la parte di noi più autentica, vitale e spontanea; lì dove sono le nostre risorse.
– Esplorare ciò che ci impedisce di costruire rapporti soddisfacenti e iniziare un processo di consapevolezza sperimentando la possibilità si fidarsi, di aprirsi, di accogliere l’altro e sentirsi accolti.

Cosa facciamo
È un percorso terapeutico di gruppo che si svolge nell’arco di tre giornate. Il conduttore faciliterà l’esperienza personale proponendo lavori in gruppo, individuali e in coppia intorno al tema specifico di ogni giornata, utilizzando gli strumenti dell’analisi bioenergetica. La dimensione del gruppo, oltre a facilitare l’emergere delle proprie risorse interne, permette, attraverso la condivisione di quanto vissuto, di sperimentare un maggior senso di appartenenza e di vicinanza.

A chi è rivolto
Il percorso è aperto a tutti coloro che vogliono esplorare se stessi, che desiderano acquisire maggiore consapevolezza e padronanza di sé nelle relazioni con gli altri. A chi vuole gestire diversamente i propri rapporti in ambito lavorativo,  familiare (genitori/figli; coppia…), sentimentale, amicale.

Requisito indispensabile: disponibilità a mettersi in discussione.

Modalità di partecipazione
Il percorso è pensato per avvicinarsi in maniera graduale ai temi proposti e per approfondire progressivamente la conoscenza di sé. È possibile la partecipazione anche ai singoli incontri anche se verrà data la precedenza a chi si iscrive all’intero ciclo.

Orario: dalle 10 alle 18, con pausa pranzo esterna di un’ora 

Si consiglia un abbigliamento comodo, l’uso di calzini antiscivolo e di portare con sé una coperta o qualsiasi altra cosa possa essere utile alla propria comodità. Sono già a disposizione nel teatro dei tappetini.

Conduce gli incontri
Claudia Torani
, psicologa, psicoterapeuta SIAB, formatrice in ambito psico-sociale, docente presso la Scuola di Counseling Umanistico “Il Valore del Femminile” (accreditata S.I.C.O.)

Iscrizioni
E’ richiesto un colloquio telefonico prima dell’iscrizione.

Per info sui costi e le modalità di iscrizione inviare una mail a claudia.torani@gmail.com o telefonare al 329/15 84 415.

Per gli allievi SIAB verranno riconosciute 6 ore di terapia di gruppo per ogni incontro.

Per gli allievi della scuola di Counseling IVDF, il corso è valido come laboratorio.

Per gli allievi di entrambe le scuole è prevista un’agevolazione sul costo del percorso.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *