La Sinestesia, detta anche “sensazione secondaria”, è un coinvolgimento di diversi sistemi sensoriali, oltre a quello specificamente interessato, per cui, ad esempio, accanto a una sensazione uditiva è possibile provare una sensazione visiva.

E' una particolare esperienza estetica, psicofisica e sensoriale, in cui alcuni sensi possono assumere qualità percettive e connotative associabili ad altri sensi. Infatti per descriverla vengono utilizzati in modo apparentemente improprio termini solitamente legati a sfere sensoriali differenti.

Ne abbiamo fatto uno dei motivi ispiratori del nostro modo di fare teatro: cercare di raggiungere i sensi dello spettatore come porte della percezione per accedere a sentimenti, emozoni, immagini. 

Il nostro intento sta nel cercare di creare, nell'evento performativo come nella pedagogia, il terreno che favorisca l'emergere di quelle possibilità ricettive, creative e di studio date dall'intreccio di diversi piani in un clima emotivo, intellettuale e sensoriale idoneo

Attraverso il teatro possiamo, anche solo per un po', rallentare, comprimerci, espanderci, riposare, esprimerci, danzando tra luce e ombra provando l’impulso o la curiosità di condividere alcuni contenuti in uno spazio-tempo altro.