Il Teatro d’impresa ha lo scopo di unire l’arte e il business applicando le metodologie tipiche dell’arte teatrale in ambito formativo, organizzativo, comunicativo e promozionale. Impiega le tecniche dell’arte teatrale non in sostituzione, ma come integrazione e supporto di quelle della formazione tradizionale coinvolgendo attivamente i partecipanti in maniera esperienziale e al tempo stesso incisiva, efficace e divertente. L’unione fra teatro e azienda è possibile con un approccio metaforico, interpretando il contesto organizzativo con la metafora teatrale e il teatro come metafora della vita. Tale metodologia riesce a unire due contesti apparentemente lontani fra loro come il mondo del lavoro, fondato sull’organizzazione produttiva con obiettivi concreti e razionali di profitto, e l’arte del teatro, basata sulla finzione ludica e creativa finalizzata all’espressività e all’estetica.

La proposta formativa intende fornire una metodologia attiva che prevede il “protagonismo” del discente per offrire ai partecipanti la possibilità di riflettere sui propri comportamenti e modus operandi “agendoli”. Grazie a questo approccio è possibile facilitare processi attivi di interpretazione e ristrutturazione della realtà e conseguente apprendimento diventando il teatro un riferimento di particolare interesse all’analisi di contesti, di dinamiche, di interazioni sociali che li caratterizzano. Il mondo del teatro si incontra così con quello della formazione fornendo spunti di riflessione, interscambio, dialogo e messa in azione.

Lo strumento teatrale, inteso come strumento formativo, può essere utilizzato in diverse modalità: letture, utilizzo di tecniche teatrali, drammatizzazioni, visione di rappresentazione di pièce teatrali, esperienze performative da parte dei partecipanti, lezioni-spettacolo con dibattito. La scelta delle diverse modalità sopra indicate è determinata dal focus di attenzione che si vuole riservare al teatro d’impresa e dal livello di “messa in gioco” che si vuole sperimentare da parte dei partecipanti, nonché dalla durata complessiva dell’intervento formativo nel suo complesso.

La proposta formativa intende fornire una metodologia attiva che prevede il “protagonismo” del discente per offrire ai partecipanti la possibilità di riflettere sui propri comportamenti e modus operandi “agendoli”. Grazie a questo approccio è possibile facilitare processi attivi di interpretazione e ristrutturazione della realtà e conseguente apprendimento diventando il teatro un riferimento di particolare interesse all’analisi di contesti, di dinamiche, di interazioni sociali che li caratterizzano. Il mondo del teatro si incontra così con quello della formazione fornendo spunti di riflessione, interscambio, dialogo e messa in azione.

Lo strumento teatrale, inteso come strumento formativo, può essere utilizzato in diverse modalità: letture, utilizzo di tecniche teatrali, drammatizzazioni, visione di rappresentazione di pièce teatrali, esperienze performative da parte dei partecipanti, lezioni-spettacolo con dibattito. La scelta delle diverse modalità sopra indicate è determinata dal focus di attenzione che si vuole riservare al teatro d’impresa e dal livello di “messa in gioco” che si vuole sperimentare da parte dei partecipanti, nonché dalla durata complessiva dell’intervento formativo nel suo complesso.